• +39 3358117997
  • info@bimpianti.it

Tag Archive Roma

Antenne TV, è arrivato il momento di “metterci mano”

Con il passaggio definitivo alla TV digitale terrestre l’impianto di ricezione televisiva richiede una revisione per adattarsi al nuovo tipo di segnale.

Antennista a Roma dal 1980

Quando in tutto il territorio nazionale si captava la sola RAI, l’installazione di un’antenna non rappresentava un problema e non richiedeva un’elevata specializzazione.

Il tutto infatti, si risolveva cercando di direzionare il più possibile l’antenna verso l’emittente televisiva e nel trasferire il segnale, con una piattina a 300 ohm, alla presa del televisore.

Successivamente l’avvento del secondo canale Rai, creò la necessità dell’installazione di una seconda antenna e del gruppo varicap per l’UHF sul televisore.

Questa nuova avventura richiedeva, già allora, un certo “Know How” per l’installazione.

Era necessario saper eseguire delle saldature, oltre ad avere le giuste competenze tecniche, per installare correttamente tutti i componenti necessari.

Ricordo ancora l’installazione del gruppo varicap nel mio televisore in b/n Dumont, con l’aiuto di mio zio tecnico… da li prese il via la mia passione.

Cucina: La Carbonara

Ecco un altro piatto tipico della tradizione italiana. Ci sono mille ricette in giro su internet che riguardano la carbonara… ognuno alla fine la fa a modo suo, ma per me è fondamentale seguire le origini… allora mi chiedo, come la fa un vero romano?

Un vero romano non aggiunge la panna o il latte, usa il guanciale e non la pancetta e soprattutto (sbaglio che fanno in molti) non fa cuocere l’uovo. L’uovo deve soltanto sentire il calore della pasta e del guanciale…e poi il pepe…il pepe è fondamentale ce ne deve andare veramente tanto, infatti è proprio il nero del pepe che richiama il colore del carbone (origine del nome del piatto). Ma veniamo al dunque…

Ingredienti:
400 g di spaghetti
200 g di guanciale
4 uova intere e un tuorlo
pecorino romano
abbondante pepe nero macinato al momento
poco olio

Procedimento:

Mettere a bollire l’acqua.
Sbattere le uova in una terrina (la stessa che conterrà la pasta), aggiungere il pecorino, e il pepe continuando a sbattere finchè non diventi cremoso.
Tagliare il guanciale a dadini a cubetti di 1 cm di lato.
Mettere a scaldare in un padella il guanciale nell’olio e lasciarlo soffriggere a fuoco lento per pochi minuti spruzzare con mezzo bicchiere di vino e far evaporatre.
Cuocere la pasta e scolarla (tenendo da parte un pò di acqua di cottura), metterla nella terrina, aggiungere altro pecorino e mescolare velocemente.
Unire il guanciale e il suo fondo di cottura, mescolare ancora, in modo da fare rapprendere e – solo se necessario – aggiungere un po’ dell’acqua di cottura tenuta da parte.
A piacere, aggiungere poi nel piatto ulteriore pecorino grattugiato e pepe.
1