• +39 3358117997
  • info@bimpianti.it

Televisori e Digitale Terrestre

Scegliere un TV Plasma o LCD

 

Plasma e LCD – I fatti a confronto

Parlando di schermi al Plasma e LCD, emergono una serie di false credenze che possono creare confusione. Panasonic chiarisce alcuni dei malintesi più comuni e aggiunge informazioni per chiarire l’argomento.

Guida all’acquisto di un televisore o di un decoder digitale terrestre

Quante volte ci siamo sentiti chiedere quale televisore acquistare, quale modello quale marca, spesso nonostante i nostri consigli la scelta cadeva sul televisore con il mobile “più adatto” oppure sul prezzo “più basso”, in questo momento acquistare un televisore guardando “al mobile” oppure al “prezzo” potrebbe portarvi a scelte disastrose, non sono pochi, infatti, i negozi che ancora vendono TV sprovvisti di sintonizzatore digitale terrestre, oppure con lo standard Italiano precedente, che costringe a rocamboleschi cambi di standard, utilizzando la germania come nazione predefinita.

Plasma o LCD

Scegliere un nuovo televisore sta diventando un’impresa sempre più complessa, vista l’ampiezza dell’offerta in termini di funzionalità, prestazioni e dimensioni della diagonale.

Un ulteriore elemento di scelta è inoltre la tecnologia realizzativa dello schermo: infatti oggi si hanno a disposizione almeno due alternative per i televisori di nuova generazione, lo schermo LCD o quello al plasma, senza considerare i televisori con schermo CRT, ormai a fine produzione, e quelli OLED ancora non apparsi sul mercato.

banner1

Nuovi bollini DGTVi

I Bollini DGTVi raddoppiano. A seguito del positivo esito dell’iniziativa Bollino Blu per decoder interattivi e Bollino Bianco per Tv integrati, che vedono ormai coinvolti circa il 90% del mercato dei ricevitori  (32 aziende con 46 modelli di decoder ed oltre 500 modelli di Tv integrati), l’Associazione DGTVi ha comunicato alle aziende produttrici di decoder e televisori le specifiche tecniche per il nuovo Bollino grigio per decoder zapper e per il Bollino Gold  per decoder e Tv con alta  definizione.

Display OLED

OLED è l’acronimo di Organic Light Emitting Diode ovvero diodo organico ad emissione di luce

 

Ching Tang , ricercatore Kodak , durante un esperimento notò l’emissione di un alone di luce verde da parte di un particolare materiale organico messo sotto tensione elettrica. Era il 1985 e e nasceva quasi per caso il primo dispositivo OLED

Gli OLED sono adesso una delle più interessanti frontiere dell’elettronica e si pensa saranno in grado di generare un mercato da 3 miliardi di dollari entro il 2010.

DTT: Attenzione all’acquisto…

 

Questa operazione di passaggio al digitale terrestre è stata fatta come al solito malissimo, senza chiedere consiglio a nessun esperto del settore, per esperto del settore intendo uno dei tantissimi tecnici antennisti o tecnici tv di questo paese e non a quella serie infinita di ingegneri scalda sedie presenti in Italia ed all’estero, si sarebbero cosi’evitati un sacco di piccoli imbrogli ai danni dei consumatori, proprio per questo, secondo il mio modesto parere era assolutamente necessario bloccare gia’ da tempo, molto, molto tempo prima, tutte le vendite di apparecchi sprovvisti di digitale terrestre, tutti gli apparecchi e non solo i televisori, perchè se non avete capito…

banner1

Televisore: Scegliere un plasma o LCD?

Domanda complessa che necessita di una risposta complessa per avere chiari tutti i punti chiave.
Si tratta di due tecnologie estremamente differenti che producono risultati diversi e che hanno i propri punti di forza in diverse caratteristiche.
Prima di effettuare un’analisi comparata, ci soffermiamo però su una breve panoramica tecnica, evitando consapevolmente dettagli di difficile comprensione.

banner1

DTT: Digitale terrestre

Roma, 24 marzo 2009 – E’ la nuova frontiera della televisione. Entro il 2012 tutte le regioni d’Italia saranno “passate” dalla tv analogica al digitale terrestre. Una direttiva europea ha stabilito le modalità e il Governo ha varato il calendario di questa trasformazione ineluttabile.

banner1

DTT: Adeguamento impianto televisivo

Giunti davvero “sulla soglia digitale” abbiamo proprio ora la necessità di capire una volta per tutte se ricevere la TV digitale terrestre è così difficile oppure se di tratta di problemi risolvibili e, nel caso, con quale difficoltà e quale costo. Per farlo è necessario prima descrivere i problemi della ricezione televisiva digitale in generale e poi in particolare quella di tipo terrestre quindi riflettere sul tipo di impianto d’antenna ottimale. Nella maggioranza dei casi si tratterà di semplici problemi di ricezione, economici da risolvere, magari installando un’antenna centralizzata che finalmente potrà funzionare con prestazioni costanti per tutti i condomini. Quali sono i principali problemi della tv digitale? Scarso livello del segnale? Interferenze sulla stessa frequenza o su frequenza adiacente? Insomma è un problema di antenna oppure no? Cosa occorre fare per vederla correttamente?

DTT tecnicamente cosa cambia?

Ecco alcune utili informazioni per il passaggio al digitale terrestre

1. Col passaggio al Digitale Terrestre le emittenti trasmetteranno su frequenze diverse rispetto alle attuali trasmissioni analogiche. Prendere conoscenza delle nuove frequenze di trasmissione, una volta che saranno rese note, prima di intervenire sugli impianti.

2. Il Mux 1 della Rai (il Mux principale, che include RAIUNO, RAIDUE e RAITRE) sarà quasi ovunque trasmesso in banda VHF, mentre gli altri Mux Rai saranno diffusi in UHF. È pertanto necessario verificare la presenza tanto di antenna VHF quanto di antenna UHF.

3. Occorre verificare che il puntamento dell’antenna sia corretto e che l’impianto di distribuzione sia perfettamente realizzato, con i segnali digitali non sono più ammessi errori o lavori semplicistici.

1